Nuovo singolo per Dolcenera

Da venerdì il nuovo singolo "Un altro giorno sulla terra"

A due anni dalla sua ultima partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Ora o mai più (le cose cambiano)” e l’avventura in veste di coach a The Voice 2016, Dolcenera torna con il singolo inedito, “Un altro giorno sulla terra”, brano da lei stessa scritto, arrangiato e prodotto, che anticipa il suo nuovo progetto discografico. “Un altro giorno sulla terra” sarà in radio e disponibile sulle piattaforme digitali da venerdì 25 maggio. Dal 1° giugno, per i fan collezionisti, sarà disponibile su Amazon un 45giri in edizione limitata numerata e autografata dall’artista. Il prodotto è già in preordine da oggi.

"È bastato un lungo viaggio attraverso la California, la Florida, Cuba e il Brasile per farmi appassionare, in modo spasmodico e avvolgente alle percussioni tribali del sud del mondo. Ho ritrovato la mia anima black, quella primordiale, nuda, selvaggia e senza filtri, che ha voglia di sentirsi in armonia con tutte le anime del mondo condividendone il ritmo perpetuo e la pulsazione della Terra. Che trippone!" (Dolcenera).
 
Nell’attesa del nuovo album Dolcenera si è divertita a pubblicare sui suoi social vari video di cover, versione piano e voce, di alcuni dei brani più conosciuti della scena trap italiana. Ha iniziato con un arrangiamento piano e voce del brano “Caramelle” della Dark Polo Gang fino ad arrivare all'ultimo video cover "Mmh ha ha ha" di Young Signorino, suonando "Preludio in C minor" di Bach. Da qui, visto il successo di visualizzazioni dei video virali, l’idea di distribuire dal 21 maggio digitalmente (solo in streaming) un EP intitolato “Regina Elisabibbi”, che contiene alcuni brani trap da lei rivisitati: “Caramelle” della Dark Polo Gang, “Sciroppo” e “Cupido” di Sfera Ebbasta, “Non cambierò mai” di Capo Plaza, “Mmh Ha Ha Ha” di Young Signorino, "Cara Italia" di Ghali. Chiude la scaletta, a sorpresa, una versione piano, voce e autotune di “Un altro giorno sulla terra”.
 
Il percorso artistico di Dolcenera si apre ufficialmente nel 2003 con la vittoria alla 53a edizione del Festival di Sanremo con il brano "Siamo tutti là fuori". Tanti i successi, i riconoscimenti, le certificazioni e le hit radiofoniche, in questi anni, per una musicista e cantautrice, di grande talento e popolarità, poliedrica e innovatrice nel panorama musicale italiano per i suoi arrangiamenti, curati alla precisione e mai scontati, e le produzioni sempre in continua ricerca ed evoluzione, dal sapore internazionale.
Tante le canzoni di successo, solo per citarne alcune: "Com'è straordinaria la vita", "Il mio amore unico", “Read all about it (Tutto quello che devi sapere)” brano in collaborazione con il rapper inglese Professor Green, “Ci vediamo a casa”, “Niente al mondo”, “Ora o mai più (le cose cambiano)”. Manu, Dolcenera, torna nuovamente in radio con "Un altro giorno sulla Terra", con un nuovo mondo musicale mai sperimentato in Italia, per sorprenderci, stupirci ed emozionarci, come solo lei sa fare.
(comunicato Universal Music a cura di F..Gimigliano)
 

File.41: Luciana Turina - intervista

Incontro con una grande artista che torna alla musica con il singolo "Terra"

Luciana Turina dopo oltre trent'anni di silenzio discografico riappare sulle  scene musicali con un nuovo singolo, dal titolo “Terra” scritto da Moreno Rossi.
Una notizia sicuramente molto interessante anche perché l’artista è sempre stata considerata come una delle piu’ belle voci della musica italiana, definita la “negra bianca”.
Con una attenta  descrizione fatta di immagini  e avvenimenti  il brano ci conduce ad una riflessione sul  senso della vita nelle gioie e nelle sofferenze, nelle passioni e nelle delusioni senza lamentarne le chiare difficoltà, ma seguendo semplicemente la parabola del tempo, non rimandando ad un giorno che forse non arriverà mai, ma trovare uno scopo in ogni istante. Vivere non è un rischio. Un riferimento anche al ruolo centrale della donna “la donna padrona di ogni suo avere, la donna che vive di ogni elemento, disegna con l’acqua e respira col vento”
La produzione discografica è affidata a David Marchetti della Ghiro Records.
Una carriera con la “C” maiuscola quella di Luciana fatta soprattutto da cinema e teatro, nonché da numerose apparizioni televisive, ricordiamo recentemente la sua partecipazione nel gennaio 2016 a “Domenica in” condotta da Maurizio Costanzo, che ebbe una risonanza importante, tanto da generare una intera pagina dedicata a Luciana sul “Messaggero”, ed una puntata a Lei dedicata, questa estate, a Techetechetè, che ha raggiunto degli ascolti record,  a dimostrazione che Luciana è un artista molto amata dal pubblico.  
Una voce unica e caratteristica che l’è valsa la vittoria del Festival di Castrocaro nel 1965, una partecipazione al Festival di Sanremo nel 1966, la pubblicazione di un Album, di un Lp e di ben dieci singoli.
Oggi torna, da cantante, con la voce di sempre e con i suoi 71 anni, con il singolo “Terra”.
L'intervista con Luciana Turina andrà in onda:
Martedì 22 maggio 2018 alle 10:10 e venerdì 25 maggio alle 10:10. Stay tuned!
 

File.41: Filippo Ferrante - intervista

"A testa in giù" tratta il tema del distacco dal proprio Paese

Con Filippo Ferrante, cantautore che torna con noi, ascolteremo “A testa in giù”, il suo nuovo singolo, che tratta il tema del distacco doloroso che affrontano coloro che lasciano il proprio Paese ed i propri affetti nell’odisseico viaggio tra le acque della speranza per approdare su rive fertili su cui costruire un futuro più sereno.
Ispirata al vero viaggio di un immigrato arrivato in Italia nel non troppo lontano 1990 che, integratosi nel nostro Paese con l’umiltà e determinazione, ha dato vita ad un’impresa con la quale oggi da speranza e lavoro a tanti altri “viaggiatori” che si rimboccano le maniche, italiani e stranieri. Il testo vuole dare la voce al tema dell’immigrazione, molto twittato ma poco realmente conosciuto.
Filippo Ferrante è un cantautore pugliese, attivo già da diversi anni nel circuito italiano emergente. Proviene da differenti esperienze musicali legate tutte da una grande passione per la musica, con un sogno e la ferma convinzione di poterlo raggiungere. Filippo si concentra da sempre fortemente sul live, puntando su un proprio spettacolo dal vivo dichiaratamente emozionante.
L'intervista con Filippo Ferrante andrà in onda:
Lunedì 21 maggio 2018 alle 16:35 e giovedì 24 alle 10:10.
 

Diodato: il nuovo singolo è "Essere semplice"

In rotazione l’ennesima prova delle doti artistiche del cantautore

Diodato torna con il nuovo atteso singolo “Essere semplice” (Carosello Records), disponibile dal 18 maggio in streaming, download e rotazione radiofonica.
“Essere semplice” è un freschissimo brano pop che dietro la leggerezza e la spensieratezza della melodia nasconde un messaggio importante, come la scrittura di Diodato ci ha da sempre abituati: un monito fatto a se stessi a prendere le cose con semplicità nonostante le difficoltà della vita perché “sono cose che succedono… ma sì, che ci vuoi fare!”
Così Diodato ha commentato sui social l’uscita del nuovo singolo:
“Succedono cose che stravolgono tutto, colpi di scena che sembrano scritti da uno sceneggiatore sapiente che sa come lasciarti col fiato sospeso, come metterti con le spalle al muro di fronte alle tue incertezze, alle scelte fatte, alle occasioni perdute. Sono stato un pazzo forse, ho seguito il cuore più della testa, ho preferito continuare a correre nel buio assetato di luce. Che ci vuoi fare caro mio, sei complicato, lo eri già da bambino in fondo, anche se quel faccino che ti hanno dato sembrava raccontare un’altra cosa, una semplicità che nel vuoto di certe notti ti è capitato spesso di desiderare. Vi chiedo scusa se non vi ho ascoltato, se ho preferito rompere tutto e cominciare daccapo, se vi ho spesso messo a disagio col mio essere a disagio, fuori posto, se ho sempre preferito andare a vedere cosa c’era dietro ogni limite imposto. Chiedo scusa, ma era più forte di me.”
Il messaggio di “Essere semplice” fa da continuum a quello del carpe diem espresso in “Adesso”, il brano che Diodato ha presentato al Festival di Sanremo 2018 insieme al collega e amico Roy Paci, che ha raccolto un ottimo riscontro da parte del pubblico e della stampa.
“Essere semplice” è l’ennesima prova delle doti artistiche di Diodato, che si conferma uno dei cantautori più intensi, raffinati e talentuosi del panorama musicale italiano.
Un artista da ascoltare specialmente dal vivo: dopo la prima parte del tour, che ha toccato anche le maggiori capitali europee, Diodato torna dal vivo per una serie di concerti estivi (una produzione Godzilla Market).
(comunicato Carosello Music a cura di L.Sito)
 

File.41: Furia - intervista

Nuovo incontro con la cantautrice: dall'album "Cantastorie" ascoltiamo "Freelance"

Torna con noi Furia, una moderna cantastorie che supporta le sue parole e la sua musica con narrazioni visive che sono spaccati di realtà in cui lei è la voce narrante, un Io che osserva da vicino l’accaduto, restituendoci una cronaca poetica dei fatti, delle gesta e dei sentimenti della generazione di oggi e del passato.
Cantastorie” è l’opera prima di Furia, composta da tredici brani, dal quale ascoltiamo il nuovo singolo "Freelance".  “Freelance” parla di amore. Amore libero. Libero da tabù, convenzioni e di quelle regole che opprimono e e reprimono la vita. Racconta di un incontro tra due persone libere. 
«Il pezzo ha come autore del testo Luigi Albertelli, sul quale io ho scritto la musica ispirandomi alla situazione che mi veniva raccontata dalle parole stesse. La musica che ho scelto è elettronica e ritmata. Il filmato racconta un attesa. Con finale a sorpresa ma attualissimo. Furia è per la parità e per diritti civili di tutti» - racconta la cantautrice.
L'intervista con Furia andrà in onda:
Giovedì 17 maggio alle 16:35 e lunedì 21 maggio alle 10:10. Stay tuned!
 

Fino a fine luglio "Arte per la Libertà"

Il Festival della Creatività per i Diritti Umani

Questa mattina presso la sede della Provincia di Rovigo la conferenza stampa di presentazione del programma completo di “Arte per la Libertà, il festival della creatività per i diritti umani”.
Per il secondo anno due importanti festival artistici della provincia di Rovigo si uniscono per dar vita a un unico progetto, “Arte per la libertà”, che presenta un ricco calendario ispirato ai temi dei diritti umani, iniziato ad aprile e che proseguirà fino a fine luglio.
Sono “Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty”, lo storico evento musicale sostenuto da Amnesty International Italia, a cura di Michele Lionello, e “DeltArte – Il delta della creatività”, festival annuale di arte contemporanea a cura di Melania Ruggini.
Il 2018 è l’anno in cui la manifestazione vede allargare i propri orizzonti oltre il Polesine, toccando le provincie di Ferrara e di Padova. Non solo: quest’anno le forme artistiche si ampliano con l’aggiunta della danza e il festival diviene produttore di cultura con il docufilm “Presi a Caso”, il progetto multimediale “Inalienabile” e il libro sui vent’anni di storia di Voci per la Libertà.
Arte, musica, cinema, presentazioni, teatro, danza sono le espressioni artistiche scelte per trasmettere e diffondere, coinvolgendo un pubblico sempre più vasto, i valori di libertà e uguaglianza sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Come da sottotitolo “Il festival della creatività per i diritti umani”.
L’offerta di “Arte per la libertà” si è resa possibile attraverso la collaborazione con numerosi enti, associazioni partner e i fondi messi a disposizione da due importanti bandi: MiBACT, SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura” e Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo attraverso il bando "CulturalMente Impresa".
 
apl_cs
 

File.41: Andrea Gioè - intervista

Il singolo rock che ascolteremo è "Nel bene e nel male"

Andrea Gioè è un cantautore palermitano. Scrive canzoni dal 1999. Dal 2003 da autodidatta suona la chitarra e dal 2011 suona anche l'ukulele.
Le sue radici musicali provengono da Claudio Baglioni, Moses, Litfiba, Umberto Maria Giardini (ex Moltheni), Ligabue, Simona Molinari, Mark Knopfler, Johnny Hallyday, Iz'Kamakawiwo'ole e Fabrizio Moro.
Nel bene e nel male” è disponibile in tutti i digital store ed è il singolo apripista di un nuovo album composto da tredici inediti la cui uscita è prevista dopo l'estate. Un mix esplosivo di rock e pop che invita l'ascoltatore a non prendere la vita troppo sul serio ed ad andare avanti sempre e comunque. 
Forti influenze che rimandano al rocker rrancese Johnny Hallyday ed ai pilastri del rock italiano Litfiba, Ligabue, Vasco Rossi e Afterhours, forgiano il pezzo.
L'intervista con Andrea Gioè andrà in onda:
Martedì 15 maggio alle 16:35 e venerdì 18 maggio alle 10:10.
 

File.41: Bungaro - intervista

Incontro con il cantautore per ascoltare "La previsioni della mia felicità"

Abbiamo il piacere di avere con noi un grande e sensibile cantautore italiano, Bungaro. Dopo il successo al Festival di Sanremo di "Imparare ad amarsi" con Ornella Vanoni e Pacifico ed il successo registrato nelle principali città italiane con il tour attualmente in corso,è in rotazione radiofonica "Le previsioni della mia felicità", il nuovo singolo tratto dall’album "Maredentro Il Viaggio" (Esordisco/ Warner Music Italy). Il brano è accompagnato sui maggiori canali tematici musicali, sul web e sul canale Youtube dell’artista, da un videoclip diretto da Loredana Antonelli, di cui sono protagoniste le gemelle Marianna e Angela Fontana del pluripremiato film "Indivisibili". 
“Le previsioni della mia felicità è un dialogo intimo con noi stessi e con la nostra parte più fragile che poi è la nostra parte migliore - racconta Bungaro - Avere il coraggio di essere felici perché la felicità non è una meta da raggiungere ma una predisposizione. ‘Se potesse la guerra fare l’amore’ è una richiesta di pace verso la nostra guerra interiore, abbracciando profondamente tutto quello che siamo e che siamo stati senza giudicarci”
Cantautore elegante e artigiano della musica, è spesso definito “l’autore delle donne” per aver scritto canzoni che sono state portate al successo da alcune delle voci femminili più importanti del panorama musicale italiano e internazionale, tra cui Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Malika Ayane, Giusy Ferreri, Emma Marrone, Daniela Mercury, Miùcha Buarque de Holanda, Paula Morelembaum, Ana Carolina e Kay McCarthy. Attualmente è il produttore della cantautrice emergente Rakele. Inoltre, ha scritto e collaborato con Gianni Morandi, Raf, Marco Mengoni e Neri Marcorè e Paola Cortellesi. Collabora con autori internazionali, tra cui Youssou N’Dour, Omar Sosa, ed è con Ivan Lins che, nel 2014, ottiene una candidatura ai Latin Grammy Awards con il progetto InventaRio. 
L'intervista con Bungaro andrà in onda:
Lunedì 14 maggio alle 16:35 e giovedì 17 maggio alle 10:10. Stay tuned... anche con Bungaro!
 

Maryam Tancredi è "The Voice of Italy" 2018

La giovane campana del Team Al Bano vince la quinta edizione del talent-show

Si è chiusa la quinta edizione di "The Voice of Italy", talent-show resuscitato da Rai2 dopo un anno di pausa e quattro edizioni con alterne fortune in termini di ascolti.
A trionfare è la giovane Maryam Tancredi, del team Al Bano. La sua vittoria è decretata al termine di una combattuta e lunghissima finale, nella quale si è infine confrontata con la veronese Beatrice Pizzin del team di J-Ax, seconda classificata.
Maryam, 19 anni di Napoli, si aggiudica un contratto discografico con la Universal Music. La vincitrice era tra le favorite sin dalle Blind Auditions de il televoto del pubblico è stato coerente con il gradimento dei social, che avevano puntato su Maryam anche nelle precedenti sfide.
Gli altri due finalisti dell'edizione del programma condotto da Costantino della Gherardesca sono stati il bresciano Andrea Butturini del team Cristina Scabbia e la friulana Asia Sagripanti del team Francesco Renga.
Maryam, definita dallo stesso coach l'"Al Bano al femminile" ha presentato, come gli altri tre finalisti, il suo inedito. Si tratta di "Una buona idea", scritto da Viviana Colombo, Fabio Ilacqua ed Edwyn Clark Roberts. Ha vinto con il 64,81% dei voti l’ultima sfida contro Beatrice.
“La musica è la mia arma e sul palco divento un’altra persona. Lì davvero sono me stessa” confessa la ragazza, che con la sua voce combatte contro i pregiudizi e l’ossessione delle persone per l’apparenza.
Resta ora da vedere cosa rimarrà in termini di successo per lei: la sua voce è bellissima e potente, ma finora "The Voice of Italy" non è mai riuscito a creare un artista che raggiungesse il grande pubblico. Inoltre, questa è stata l’edizione meno vista di sempre del programma di Rai 2 e anche la finale (nonostante la chiusura a tarda notte) non ha superato i due milioni e il 10% di share.
 

Pagine

Abbonamento a Radio41.it RSS