File.41: Quadrophenix - intervista

"Mai più" è un surf pop anni ’60 che strizza l’occhio a Beatles e Beach Boys

“Mai più” è lo scanzonato e irriverente brano con il quale i Quadrophenix raccontano la loro personale visione dell’amore impossibile. Quando il sentimento che dovrebbe coinvolgere due innamorati finisce per coinvolgerne solo uno e mezzo. Ma, alla fine dei conti, non importa chi vince o chi perde. Quello che conta è lanciare la propria patata più lontano che si può...e farle un selfie!
Le splendide spiagge della litoranea Salentina di Taranto sono state la cornice perfetta per il videoclip di "Mai più". Girato una domenica mattina, fra la sorpresa generale dei bagnanti, i Quadrophenix danno vita alla loro assurda canzone estiva, che parla di un amore impossibile fra una bella e una bestia. Un moderno "servo della gleba" che tenta disperatamente di far innamorare l'eterna bellissima impossibile, disposta a concedersi a tutti fuorché a lui. I ragazzi della band compaiono qua e là, aggiungendo il loro frizzante tocco personale. Per la regia di Antonio Cofano (88migliaorarie) e il montaggio di Maura Colapietro, una produzione targata Quadrophenix, con l'aiuto degli amici di Altramusicalive.
Abbiamo incontrato Valerio e Marco dei Quadrophenix. L'intervista con loro andrà in onda:
Martedì 16 luglio alle 16:35 e venerdì 19 luglio alle 10:10.
 

File.41: Leonardo Guiderdone - intervista

L'INTERVISTA

Ascolteremo "Fate pace", brano di esordio del cantante

Abbiamo incontrato Leonardo Guiderdone per parlare di "Fate pace". Il brano nasce dall¹esigenza di trasmettere alle persone che non serve chiudersi dentro un odio ostinato, che rischia di intasare ciò che di più bello abbiamo dentro. La vita è sempre più frenetica, le persone tendono a essere sempre meno pazienti e ci troviamo giorno dopo giorno davanti a una miriade di sfide che dobbiamo cogliere e affrontare nel migliore dei modi.
«Con questo singolo racconto il mio percorso di vita, i sacrifici che mi hanno portato a essere il professionista che sono  racconta Leonardo Guiderdone - senza dimenticare gli insegnamenti di mio padre, uomo di grande spessore e determinazione che mi ha sempre trasmesso il valore del rispetto e la peculiarità di sapere perdonare e “fare pace”. Il brano nasce quindi come monito affinché tutti noi possiamo comprendere quanto di più bello ci sia nel perdonare e soprattutto nel capire che solo attraverso i sacrifici possiamo raggiungere i nostri obiettivi. Non bisogna mai smarrire i valori della famiglia, isola di riparo dal mare dei disagi».
“Fate pace” è scritto da Stefano Paviani, già autore del brano “La Soluzione” di Laura Pausini, e prodotto e arrangiato da Filadelfo Castro (Pooh, Max Pezzali, Gatto Panceri).
L'intervista con Leonardo Guiderdone andrà in onda:
Lunedì 15 luglio alle 16:35 e giovedì 18 luglio alle 10:10.
 

VxL 2019: edizione numero 22 dal 18 al 21 luglio

vxl19

Si rinnova l'appuntamento con il Festival dei Diritti Umani a Rosolina Mare (RO)

Musica di qualità e diritti umani viaggeranno di nuovo affiancati nella 22a edizione di ‘Voci per la Libertà’, il festival legato ad Amnesty International in programma quest’anno dal 18 al 21 luglio a Rosolina Mare (Rovigo), con un ricco calendario di appuntamenti, sia pomeridiani che serali, ad ingresso gratuito.
Roy Paci, Gio Evan, La Municipàl, Mujeres Creando, Pupi di Surfaro, Kumi Watanabe, Valerio Piccolo sono alcuni degli ospiti in programma quest’anno. Ma il cuore pulsante della manifestazione sarà come sempre il contest per band e cantautori che porterà, nella giornata conclusiva, a proclamare il vincitore del Premio Amnesty International Italia nella sezione Emergenti. In gara saranno otto artisti provenienti da tutta Italia, con brani legati alla Dichiarazione universale dei diritti umani. Il vincitore sarà proclamato nella giornata finale, quando ci sarà anche la premiazione di Roy Paci, che, con Willie Peyote, ha vinto il Premio Amnesty nella sezione Big, con il brano “Salvagente”.
 
Ad inaugurare il festival giovedì 18 luglio, sarà il primo degli appuntamenti pomeridiani, in orario aperitivo, al Bar In Anguriara, sul lungomare, con lo showcase di Marcondiro, band di culto tra rock, pop e sperimentazione, che aprirà anche la serata in piazzale Europa, alle 21.
Con loro, in apertura di serata, anche il progetto BO.RO.FRA (musica e danze africane come un linguaggio universale per una integrazione interculturale). Si esibiranno poi tre artisti emergenti di grande valore e legati alla storia del festival: le Mujeres Creando, vincitrici del Premio Web Social 2018; i Pupi Di Surfaro, vincitori del Premio Amnesty Emergenti nel 2018 e Kumi Watanabe feat. Paolo Agosta, vincitrice del premio della critica nel 2001.
 
Venerdì 19 luglio alle 18.30 al Bar In Anguriara aperitivo in spiaggia con la presentazione del libro “Cento cuori dentro” (Fabbri editore) di Gio Evan.
In serata, alle 21, dopo l’esibizione in apertura di Fabio Luongo, toccherà alla prima delle due semifinali del concorso 2019. Saranno in lizza: Chiara Effe da Cagliari col brano “Mani stanche”, Giovi & Massimo Francescon Band da Rovigo/Treviso con “Quello che io non so”, Grace n Kaos da Rovigo con “Nero”, Chiara Patronella da Taranto con “Pesci”.
In veste di ospite, stavolta in veste di cantautore, salirà poi sul palco Gio Evan, ormai noto anche al grande pubblico grazie a canzoni come “Himalaya Cocktail” e “Pane in cassetta”.
Sabato 20 luglio il momento aperitivo, sempre al Bar In Anguriara, vedrà lo showcase di Michele Mud (vincitore del Premio Amnesty Emergenti nel 2014), che aprirà anche la serata. A seguire, seconda tornata di semifinali degli emergenti con Enzo Beccia da Milano con “Gli indifferenti”, Bif da Salerno con “Venti clandestini”, The Roomors da Cagliari con “Marielle”, Giulio Wilson da Firenze con “Budapest (Francesco Tirelli)”. Ospite sarà La Municipàl, band salentina in decisa ascesa, il cui nucleo è costituito dai fratelli Carmine e Isabella Tundo. Pop/rock d’autore il loro, come testimonia l’ultimo album “Bellissimi difetti“.
 
roy paci
Il festival si chiuderà domenica 21 luglio. L’appuntamento pomeridiano sarà stavolta al Centro congressi di Piazzale Europa con un incontro aperto al pubblico con il portavoce di Amnesty International Italia Riccardo Noury e con Roy Paci, in qualità di vincitore del Premio Amnesty International Italia, nella sezione Big.
L’artista siciliano si esibirà poi in serata nel progetto “Mayday Connection” con Picciotto. I due saranno accompagnati dal producer Gheesa. La serata vedrà come opening act Valerio Piccolo, cantautore diviso fra Italia e Stati Uniti, che presenterà "Adam and the Animals", un concept album composto con lo scrittore Rick Moody.
Momento cruciale sarà poi la finale del Premio Amnesty International Italia nella sezione Emergenti, con i migliori cinque semifinalisti delle due serate precedenti.
A decidere il vincitore sarà una prestigiosa giuria composta da giornalisti, addetti ai lavori e esponenti di Voci per la libertà e Amnesty International. Tra semifinali e finale sarà composta da: Claudio Agostoni (Radio popolare), Giò Alajmo (spettakolo.it), Eugenio Arcidiacono (Famiglia Cristiana), Marco Cavalieri (Radio Elettrica), Nicola Dalla Pasqua (Amnesty International Veneto), Enrico de Angelis (storico della canzone), Katia Del Savio (Indiana Music Mag), Enrico Deregibus (giornalista e operatore), Aldo Foschini (Musica nelle Aie), Michele Lionello (direttore artistico Voci per la Libertà), Ivan Malfatto (Gazzettino), Gianluca Mura (Radio41), Riccardo Noury (Portavoce Amnesty International Italia), Elisa Orlandotti (Funny Vegan), Angelo Pangrazio (Tgr Veneto), Valerio Piccolo (musicista), Riccardo Pozzato (musicista), Silvia Rotelli (ideatrice di Inalienabile), Giordano Sangiorgi (MEI e Rete dei festival).
Oltre al Premio al vincitore assoluto, la giuria assegnerà anche un premio della critica, mentre attraverso le schede di voto distribuite agli spettatori si assegnerà il Premio del pubblico. Al vincitore andrà la produzione di un videoclip o di un cd singolo. Il vincitore stesso o, in mancanza dei requisiti tecnici, uno dei finalisti potrà realizzare un tour di otto concerti reso possibile grazie ad un bando di Nuovo Imaie (progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92). Altro premio sarà “Il migliore per noi” di Viva La Radio! Network, grazie al quale il brano vincitore avrà passaggi radiofonici in alta rotazione per tre mesi. 
Presentano le serate: Savino Zaba (Radio1 Rai) e Carmen Formenton (Voci per la Libertà).
 
Durante il festival, tra il centro Congressi e l’area festival, sarà possibile visitare la mostra “In arte Dudu” (la Dichiarazione universale dei diritti umani illustrata da giovani artisti) e tre installazioni. Si tratta della mostra fotografica di Andrea Artosi (Artax) "Parliamone in piazza", su numeri e persone di origine straniera abitanti a Rovigo; “Love difference”, l’arte urbana per la socializzazione; "Inalienabile", opera immersiva di Silvia Rotelli su musica e diritti umani.
Durante le serate saranno inoltre attivi, presso il giardino del centro congressi, dei laboratori didattici per bambini sui temi dei diritti umani realizzati da: Cooperativa Peter Pan, l’artista Alberto Cristini, La Fiondina e Cooperativa Titoli Minori.
Lo slogan di quest’anno della manifestazione sarà “Sui diritti umani non si torna indietro”. Uno slogan che parte dal 10 dicembre 1948, quando l'Assemblea generale delle Nazioni Unite proclamava la Dichiarazione universale dei diritti umani. Per la prima volta veniva scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Eppure la Dichiarazione è disattesa, anche perché ancora troppo sconosciuta. Amnesty International, Premio Nobel per la pace nel 1977 e Premio delle Nazioni Unite per i diritti umani nel 1978, è impegnata perché per tutti siano garantiti questi diritti. Si impegna, ogni giorno, per ricordare che sui diritti umani non si torna indietro. Tre gli appelli che sarà possibile firmare durante il festival: Codici identificativi subito (per gli agenti impegnati in operazioni di ordine pubblico), Fermiamo la detenzione e la tortura di rifugiati e migranti in Libia e Verità per Giulio Regeni.
Partner della manifestazione quest’anno sarà il progetto Hatemeter, che ha lo scopo di accrescere le conoscenze sull'hate speech (ovvero l’incitamento all’odio e alla discriminazione) anti-islamico online e di sostenere le ONG nella lotta all'islamofobia a livello europeo. La piattaforma Hatemeter è sperimentata e validata in Italia da Amnesty. Il progetto è co-finanziato dal "Rights, Equality and Citizenship Programme (2014-2020)" della Commissione europea - Directorate-General Justice and Consumers.
 
Il festival sarà preceduto e seguito da vari eventi sotto il nome di “Voci per la Libertà IN TOUR”, anche questi ad ingresso libero. Eccoli:
Sabato 13 luglio ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Barricata Bagno Baraonda, con Elisa Erin Bonomo
Sabato 27 luglio ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Barricata Bagno Olimpo, con i Marmaja
Sabato 3 agosto ore 19.00 a Porto Tolle (RO), spiaggia di Boccasette Bagno Scano Palo, con i Do’storieski
 

File.41: Il Cile - intervista

Il Cile

Assieme al cantautore toscano presentiamo il nuovo singolo "Di notte leoni"

Il Cile, chitarrista e compositore, esordisce nel 2011 come coautore di alcuni testi per i Negrita, insieme a Pau, per l’album "Dannato vivere" (disco di platino).Nel 2012 debutta come cantautore con il singolo "Cemento armato", uno dei più grandi successi radiofonici dell’anno e con il suo primo disco "Siamo morti a vent’anni", che lo porta in tour. Apre i concerti di Ben Harper e dei Cranberries, oltre ad essere l’unico artista italiano presente nell’ultima edizione dell’Heineken Jammin Festival. Nel 2013 partecipa a Sanremo nei giovani con "Le parole non servono più", conquistando i premi “Assomusica” e “Sergio Bardotti” ed è Opening act al primo tour di Jovanotti negli stadi.
Pubblica il suo primo libro "Ho smesso tutto". Nel 2014 apre le date di Roma e di Milano del tour di Ligabue, dove canta il singolo "Sole, cuore, alta gradazione" dal suo secondo disco "In Cile veritas". Nel 2015, scrive insieme a Pau, il testo della hit "Il gioco" (certificato oro) dei Negrita e scrive e canta il ritornello della hit "Maria Salvador" per l’album Il bello di essere brutti di J-Ax, ottenendo 6 dischi di platino. Nel 2017 pubblica il suo terzo album "La fate facile". Nel 2018 scala per la quarta volta il palco di San Siro cantando con J-Ax su Maria Salvador.
Nel 2019 è autore, insieme ai Negrita, de "I ragazzi stanno bene" (Festival di Sanremo). Ha collaborato con: Club Dogo, Bianza Atzei, Gue Pequeno, Syria, Clementino ed Ensi.
"Di notte leoni” è il nuovo brano del cantautore, che vede la collaborazione di una delle più belle voci della world-music, Awa Fall. Un singolo che celebra la notte ed è perfetto per l'estate e che ascolteremo con lui.
L'intervista con Il Cile che andrà in onda:
Venerdì 12 luglio alle 16:35 e martedì 16 luglio alle 10:10. Stay tuned... anche con Il Cile!
 

File.41: Edro - intervista

edro
INTERVISTA

Dal primo album "Vertigine" ascoltiamo con il cantante Tony il singolo "Istantanea"

Edro è un progetto musicale nato in Valle d’Itria negli ultimi mesi del 2015. La band ha radici nell'alternative rock italiano e internazionale a cui si aggiungono influenze funky, blues e classic mescolate abilmente con l’utilizzo di synth, drum machine e sezioni orchestrali. La band è uscita con il suo primo album dal titolo “Vertigine”. Attualmente è in rotazione radio il singolo “Istantanea”.
Il brano è una fotografia di un amore tanto forte quanto fragile, che rivive nel ricordo di un passato che a volte sembra riavvicinarsi ma a cui non si può chiedere conforto.
«Questo singolo – raccontano gli Edro - rappresenta quello che è stato, quello che avrebbe potuto essere, ma che ormai è perduto. Un pensiero malinconico e un viaggio introspettivo nei sentimenti che vivono ancora nel cuore, nonostante la fine di un rapporto amoroso. Rappresenta una foto scattata a un ricordo. L’abbiamo scelta come singolo proprio per questo motivo, perché racconta uno stato d’animo che tutti abbiamo vissuto».
“Istantanea” è accompagnato da un videoclip diretto da Giuseppe Rosato in cui il protagonista alla fine della sua storia d’amore si ritrova a combattere contro il suo passato, ricordato con le sue istantanee più belle.
L'intervista con Tony Colonna, il cantante degli Edro, andrà in onda:
Giovedì 11 luglio alle 16:35 e lunedì 15 luglio alle 10:10.
 

File.41: Stefania Bonomi - intervista

il pentagramma dell'anima

"Il pentagramma dell'anima" è il nuovo romanzo della giornalista milanese

Il libro di Stefania Bonomi sarà presentato domenica 14 luglio a Mira (VE) presso il B&b Espressione Arte in via Malpaga 140 alle ore 19, all'interno dell'iniziativa "Circle of Life"

A sette anni dal suo primo successo editoriale esce "Il pentagramma dell'anima”, il secondo romanzo della giornalista milanese Stefania Bonomi, acquistabile online in formato cartaceo e ebook o, su richiesta, in tutte le librerie.
Nella scrittura di questa sua seconda opera, l’autrice ha scelto una doppia narrazione, nella creazione di una storia i cui spunti di riflessione, nel corso dello svolgimento della trama, sono davvero tanti e particolari. I quattro personaggi che si “incontrano” nel romanzo vivono in luoghi diversi: due su questo pianeta (Maria Sole e Lucas Prandi) e due in una dimensione energetica e spirituale dove si arriva una volta terminato il percorso terreno (Leonardo Alfieri e Amanda).
Mondi connessi dove chi è di là e anela al ritorno, ha il compito di aiutare chi, di qua, si è perso, o ha perso la forza per condurre una vita che sia degna di questo nome.
«Mentre scrivevo questo romanzo – racconta l’autrice – ero pienamente consapevole che i personaggi terreni fossero frutto della mia creazione narrativa, ma quando ho iniziato a raccontare il mondo energetico in cui si trovava Leonardo Alfieri ho percepito che nella narrazione stava accadendo qualcosa di particolare. Chi mi parlava, mi raccontava anche in modo molto dettagliato il mondo energetico in cui si trovava, aveva grandi occhi azzurri e la descrizione di se stesso mi riportavano all’amico Giorgio Faletti mancato nel luglio del 2014».
Un “pentagramma dell’anima” condiviso da tutti e quattro i protagonisti che li condurrà verso la purificazione e la riscoperta dell’amore.
La musica dell’anima è la vera protagonista di questo romanzo. Una favola moderna in cui l’autrice ha ricordato uomini che della propria arte hanno vissuto prima e dopo la fine.
Il libro di Stefania Bonomi sarà presentato domenica 14 luglio a Mira (VE) presso il B&b Espressione Arte in via Malpaga 140 alle ore 19, all'interno dell'iniziativa "Circle of Life".
Abbiamo incontrato Stefania Bonomi e l'intervista andrà in onda:
Mercoledì 10 luglio alle 16:35 e sabato 13 luglio alle 10:10. Stay tuned!
 

File.41: Massimo Di Cataldo - intervista

massimo di cataldo

Incontro con il cantautore per il nuovo singolo "Non ti accorgi"

Con grande piacere incontriamo il cantautore romano Massimo Di Cataldo. "Non ti accorgi" è la single track che ha anticipato l'uscita del nuovo album di inediti del cantautore Massimo Di Cataldo dal titolo “Dal profondo”.
“Non ti accorgi” è una pop/rock ballad dall'andamento brioso con un testo sentimentale, ma diretto. 
"Ho scritto questa canzone in un periodo in cui la musica, il mio primo grande amore, sembrava non corrispondermi più" - racconta l'artista - "Come in una lunga relazione possono esserci dei momenti d'inflessione nei quali l'entusiasmo viene a mancare, ho tenuto duro continuando a nutrire la mia passione fintanto che da quel lungo inverno è tornata una nuova primavera".
Il nuovo singolo arriva dopo “Con il nastro rosa”, la cover di Battisti/Mogol e gli ultimi tre inediti “Prendimi l’anima”, “Domani chissà”, “Ci credi ancora all’amore”, confluirti nel nuovo album di inediti su etichetta DicaMusica-Believe/Self.
L'intervista con Massimo Di Cataldo andrà in onda:
Martedì 9 luglio alle 16:35 e venerdì 12 luglio alle 10:10. Stay tuned... anche con Massimo Di Cataldo!
 
ATTENZIONE: a grande richiesta, abbiamo reso disponibile qui l'intervista per un ascolto fuori onda

File.41: Molotov d’Irpinia - intervista

molotov d'irpinia

Dall'album "Amore a prima festa”, ascoltiamo “Chi guida?!”

Nati “ufficiosamente” nel 2005, i Molotov d’Irpinia sono una band composta da sette ragazzi originari di Avellino: Antonio Modano, Piero Buccella, Giuseppe Capobianco, Giovanni Famiglietti, Andrea Saldutti, Pietro Giusto e Franco Zarella. Il loro percorso musicale inizia con l’improvvisazione di alcune esibizioni live in piccoli contesti, con un repertorio composto per lo più da brani tratti dalla tradizione popolare meridionale. 
Chi guida?!” (Top Records) è il nuovo singolo della band. Il brano, estratto dall’album “Amore a prima festa”, è un inno all’amicizia e ne descrive il valore raccontando di quanto sia importante poter contare sull’amico sobrio quando ci si ritira da una festa ubriachi.
Abbiamo incontrato Tony, il cantante del gruppo, e con lui abbiamo ascoltato “Chi guida?!”.
L'intervista con i Molotov d’Irpinia andrà in onda:
Lunedì 8 luglio alle 16:35 e giovedì 11 luglio alle 10:10.
 

L'estate di "Instagram" è partita

instagram single

Un singolo che vede Dimitri Vegas & Like Mike, David Guetta & Daddy Yankee feat. Natti Natasha & Afro Bros

È appena iniziata l’estate, la stagione dei festival, e alcuni dei più importanti protagonisti, Dimitri Vegas & Like Mike e David Guetta insieme ad Afro Bros e a due dei nomi più hot del reggaeton al mondo, Daddy Yankee e Natti Natasha, calano l’asso per quello che diventerà uno dei brani del periodo: “Instagram”, da oggi disponibile in radio e in digitale.
Dominatori delle classifiche internazionali, Dimitri Vegas & Like Mike continuano a dimostrare la loro grande versatilità nel cambiare rapidamente stile e registro e l’elenco delle loro collaborazioni ne è la testimonianza: hanno lavorato con artisti molto diversi, tra cui Ne-Yo, Gucci Mane, Hans Zimmer, Paris Hilton, Diplo, Era Istrefi, Wiz Khalifa e Snoop Dogg. Hanno dominato la scena mondiale ricevendo il riconoscimento “World’s #1 DJ Duo” di DJ Mag e diventando ambasciatori del gigantesco festival Tomorrowland, che quest’anno festeggerà i suoi primi 15 anni in 2 weekend a luglio con più di 360mila partecipanti.
David Guetta si è affermato come uno dei dj di maggior successo al mondo, fondendo la dance music con il genere urban. Collaborando con alcuni dei più grandi nomi dell'hip hop, R&B e del pop (Black Eyed Peas, Kelly Rowland, Akon, Rihanna, Sia, Lady Gaga, Usher, Madonna, Justin Bieber, Nicky Minaj, solo per citarne alcuni), e riuscendo a reinventare il loro suono per i dancefloors, Guetta ha creato una vera e propria alchimia pop e un nuovo modello per le radio. Ma non si possono trascurare nemmeno i suoi risultati da solo: 50 milioni di album, oltre 10 miliardi di play su YouTube e Spotify; numerosi singoli al #1 e certificazioni Platino e Oro in tutto il mondo, 2 Grammy e 4 Nomination, una delle serate di maggior successo a Ibiza.
Gli Afro Bro’s sono famosi in tutto il mondo per la varietà dei loro generi musicali, dalla Latin house alla afro house, dal moombahton alla house e all’urban. Nel loro recente singolo “How Many Times”, collaborazione con la star del reggae Sean Kingston, si sono cimentati persino con il gusto tropicale.
Daddy Yankee rimane uno degli artisti più influenti dell’industria musicale con più di 11 milioni di album venduti e più di 50 milioni di follower sui social. Definito “One of the Most Influential Hispanics” a livello globale dalla CNN e Time Magazine, Daddy Yankee è entrato nella storia nel 2018 per essere stato il primo artista latino a raggiungere il #1 su Spotify così come per aver ricevuto sette riconoscimenti per il successo della hit “Despacito” in collaborazione con Luis Fonsi e altri due il raggiungimento del vertice della Billboard Latin Rhythm Airplay. Attualmente è il settimo artista al mondo per numero di stream su Spotify e recentemente ha raggiunto l’Icon Music Award ai Latin Music Awards per il suo contributo alla musica.
La superstar del latin-pop Natti Natasha è una forza inarrestabile, la cui musica ha superato 1 miliardo di stream su Spotify. Artista multi-platino, vincitrice di un Billboard Award, Natti è stata soprannominata a fine 2018 “mostwatched female on YouTube” grazie al videoclip “Criminal” in collaborazione con Ozuna, che ha ha superato 1,8 miliardi di visualizzazioni su YouTube. Oltre all’incredibile fanbase su YouTube e su Spotify, Natti vanta anche 14,8 milioni di follower su Instagram.
(comunicato Sony Music a cura di C.Pagura)
 

Il duetto tra Levante e Carmen Consoli

lo stretto necessario

"Lo stretto necessario" è l'incontro tra le due artiste siciliane che anticipa "Magmamemoria"

E' in rotazione radiofonica “Lo stretto necessario” il nuovo singolo di Levante, un brano che ha il sapore di Sicilia.
Siciliani sono i suoi autori, oltre a Levante anche Antonio Dimartino e Colapesce e siciliana è l’artista che l’affianca in questo nuovo lavoro: Carmen Consoli.
Le due voci femminili si fondono in maniera splendida in un brano poetico e molto suggestivo.
“Lo stretto necessario” anticipa, dopo “Andrà tutto bene” di marzo, “Magmamemoria”, il prossimo album di inediti che la cantautrice del nuovo pop italiano pubblicherà il 4 ottobre.
Levante quest’estate sarà in tour in alcune delle arene storiche italiane, mentre il 23 novembre per la prima volta si esibirà al Forum di Assago.
Questi gli appuntamenti estivi:
10 luglio @ Fiesole (FI) - Teatro Romano
11 luglio @ Cervere (CN) - Anfiteatro dell'Anima
19 luglio @ Ostia Antica (RM) - Teatro Romano
20 luglio @ Caserta - Belvedere Reale
7 agosto @ Barletta - Fossato del Castello
9 agosto @ Reggio Calabria - Castello Aragonese
18 agosto @ Riola Sardo (OR) - Parco dei Suoni
22 agosto @ Macerata - Sferisterio
1 settembre @Taormina (ME) - Teatro Antico
3 settembre @ Verona - Teatro Romano
(comunicato MA9 Promotion a cura di A.Vittori)
 

Pagine

Abbonamento a Radio41.it RSS