10 Years

comune

Cardin rinuncia: niente Palais Lumière

Salta l'ambizioso progetto a Porto Marghera. Il Comune dovrà rivedere le entrate

A un anno dalla presentazione si spegne il sogno del grattacielo di 60 piani che Pierre Cardin aveva progettato per riqualificare la zona di Porto Marghera a Venezia. Doveva essere la decima torre più alta d'Europa, ma non verrà più costruita.
L'annuncio è arrivato da Rodrigo Basilicati,  ingegnere nipote dello stilista e a.d. di Concept Creatif Pierre Cardin S.p.A., che aveva realizzato il progetto. Per Basilicati sono stati troppo gli ostacoli burocratici, «fino alla recente presa di posizione del Ministero dei beni culturali circa la presunta esistenza in zona di un vincolo paesaggistico finora mai fatto valere nè applicato a tutti coloro che hanno edificato nella zona».
«Voleva fare la cose in regola come è solito fare ma la nebbia non si è mai diradata anzi con il passare dei mesi si è solo infittita». Giustifica in questa maniera l'avvocato di Pierre Cardin, Sandro De Nardi, la decisione irrevocabile dello stilista: il Palais Lumière non vedrà la luce.  Il no di Cardin provoca diversi problemi alla città di Venezia, in particolar modo sul bilancio di Ca’ Farsetti.

IMU: la resa dei conti

Tra le tasse introdotte dal governo Monti, l' IMU (Imposta Municipale Unica) oltre ad essere odiosa almeno quanto l'aumento dell' iva, è anche la più complicata da calcolare. Ed allora, costretti a doverla conoscere ad ogni costo, cerchiamo insieme di dipanare almeno alcuni dei dubbi sorti su come va calcolata. L'IMU può essere pagata in due rate, la prima delle quali entro il 18 Giugno 2012 sulla base di una aliquota fissa del 0.4% (0.76% dalla seconda proprietà in poi); il conguaglio invece dovrà essere versato entro il Dicembre successivo ma l'aliquota potrebbe variare poiché il valore definitivo sarà a discrezione del comune di residenza.

E' online Iris 2.0 beta

Venezia, 29 marzo 2012 - A distanza di quattro anni dalla sua prima sperimentazione, Iris - il primo strumento di interazione con il cittadino per segnalare problemi di natura urbana di cui si è dotato il Comune di Venezia - si rinnova proprio grazie alle sollecitazioni dei "cittadini digitali", diventando sempre più 2.0. "Iris beta", on-line da oggi, si presenta  infatti con una grafica più semplice e un'area "social" potenziata, anche grazie al prototipo elaborato dal progetto europeo "Cockpit", che consente al cittadino di esprimere la propria opinione, proporre modifiche e partecipare a sondaggi, coinvolgendolo nel miglioramento di un importante servizio pubblico.

Abbonamento a RSS - comune