10 Years

regione

Scattato il "Piano caldo 2014" in Veneto

Arpav prevede disagio fisico intenso e qualità aria scadente fino a giovedì

(AVN) Venezia - Alla luce del bollettino meteo specifico emesso dall’Arpa del Veneto, con previsioni di elevate temperature con disagio fisico intenso e qualità dell’aria scadente per oggi, domani e, con ogni probabilità, anche per mercoledì e giovedì, l’Assessore regionale alla sanità Luca Coletto ha disposto, per la prima volta quest’anno, l’attivazione su tutto il territorio del Protocollo per la Prevenzione delle Patologie da Elevate Temperature approvato dalla Giunta regionale a fine maggio.
“Si tratta – ricorda Coletto – di una particolare organizzazione in rete che vede collaborare l’emergenza-urgenza, la rete ospedaliera, quella territoriale, l’Arpav, la Protezione Civile e i Servizi Sociali Regionali e degli Enti Locali per rafforzare l’assistenza ed il monitoraggio delle condizioni di salute delle categorie più a rischio di fronte ad un’ondata di caldo come questa, abbinata ad un peggioramento della qualità dell’aria. Si tratta ad esempio, di intervenire con priorità nei casi più gravi, ma anche di assistere, dal punto di vista informativo e di contatto, le persone in condizioni più disagiate, come gli anziani, e in generale le persone malate croniche che vivono sole”.

In Veneto i farmaci ospedalieri meno costosi d'Italia

COMUNICATO STAMPA

Zaia: "Chi spende il triplo dovrebbe arrossire"

(AVN) – Venezia, 27 novembre 2013 - Il Veneto è la Regione italiana che spende meno in assoluto per l’acquisto di farmaci ospedalieri rispetto alla popolazione assistita. Il riconoscimento viene dalla “Analisi territoriale comparativa nell’acquisto dei farmaci ospedalieri”, elaborata dall’Autorità Governativa per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture. Il Veneto precede l’Abruzzo ed il Piemonte e spende quasi tre volte di meno di Umbria, Lazio, Puglia e Campania.
Nelle conclusioni del rapporto, si legge che “le migliori performance sono state riscontrate per Veneto, Piemonte ed Abruzzo”, mentre le peggiori “si riscontrano in Puglia, Lazio ed Umbria. Anche i risultati della Campania non appaiono confortanti”. Le tre Regioni “virtuose” sono seguite da un “blocco centrale” composto da sei Regioni: Friuli, Toscana, Vale D’Aosta, Emilia Romagna, Liguria e Lombardia. In particolare, nello studio, sono stati selezionati i farmaci non coperti da brevetto (i “generici”) acquistati da almeno 11 delle 39 stazioni appaltanti selezionate.
“Questi sono dati ufficiali governativi appena resi noti – commenta il presidente del Veneto Luca Zaia –. dei quali andiamo orgogliosi e che dimostrano che qui si sta facendo dell’oculatezza l’arma totale per combattere gli sprechi in sanità: i numeri elencati dal rapporto dovrebbero far arrossire chi spendere circa tre volte tanto”.
“Ecco l’ennesimo esempio di costo standard – prosegue Zaia – che il Veneto pone all’attenzione del Commissario Cottarelli e del mondo istituzionale nazionale. In questi anni (dal 2011) nei quali tanti hanno molto parlato e poco o nulla fatto – aggiunge Zaia – il Veneto ha lavorato giorno per giorno, studiando dove potevano esserci degli sprechi e tagliandoli senza remore. Il risultato è sotto gli occhi di tutti anche in un settore di grande spesa generale come la farmaceutica ospedaliera”.

Veneto: 300.000 euro per il cinema digitale

COMUNICATO STAMPA

Stanziamento della Regione per  contributi alla digitalizzazione delle sale cinematografiche

(AVN) – Venezia 23 maggio 2013 - La giunta regionale ha approvato il bando 2013 per la concessione di contributi per la digitalizzazione delle sale cinematografiche del Veneto. “Per il secondo anno consecutivo – sottolinea il vicepresidente e assessore alla cultura e allo spettacolo Marino Zorzato, relatore del provvedimento - la Regione ha stanziato la somma di 300.000 euro per sostenere gli interventi di adeguamento tecnologico confermando così l’impegno concreto a favore della tutela del piccolo esercizio cinematografico”.
Nei prossimi giorni il bando sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione aprendo i termini per la presentazione delle domande di contributo che potranno essere presentate da titolari, proprietari e gestori di monosala o di multisala con numero di sale non superiori a quattro. I contributi potranno arrivare a coprire fino al 50% delle spese per l’acquisto e l’installazione di apparecchiature per la proiezione digitale. Le domande dovranno pervenire alla Regione entro trenta giorni dalla data di pubblicazione sul BUR.

Veneto: il triennio 2009-2011 di pubblica utilità

COMUNICATO STAMPA

Per i disoccupati 8,8 milioni di euro impegnati, 915 occupati

(AVN)-Venezia,  8 maggio 2013 - Positivi i risultati conseguiti dai progetti regionali di pubblica utilità del Veneto nel triennio 2009-2011 che danno lavoro ai disoccupati privi di ammortizzatori sociali i cui committenti sono nella massima parte le amministrazioni pubbliche (Comuni) e le cooperative. Infatti, nel triennio 2009-2011 la Giunta regionale ha finanziato 288 progetti per complessivi 3.443.759 euro (923.279 nel 2009, 1.520.480 nel 2010, 906.240 nel 2011) con il coinvolgimento di 915 lavoratori. Nel 2012 la Regione ha messo a disposizione dell’iniziativa ancora 1.000.000 euro. Tenuto conto che il progetto regionale di pubblica utilità finanziato il 50% del costo del lavoro dei soggetti coinvolti, l’azione ha nel complesso movimentato nel quadriennio 2009-2012 risorse per il contrasto alla crisi per circa 8.850.000 euro. I lavoratori ancora al lavoro, dopo la conclusione dei progetti di pubblica utilità, hanno una tipologia di contratto a tempo indeterminato nel 33%, a tempo determinato nel 46% e con altre tipologie (tirocini, interinale, somministrazione, a progetto) nel 21%.
 

Il Cipe approva prolungamento Valdastico Nord

COMUNICATO STAMPA

L'intervento sull'autostrada A31. Soddisfazione dell'assessore Chisso

(AVN) – Roma - Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha approvato stamani con prescrizioni il progetto preliminare riguardante la realizzazione del 1° lotto funzionale Piovene Rocchette – Valle dell’Astico dell’Autostrada A31 Valdastico Nord.
“E’ una buona notizia, un ulteriore passo per il completamento di un’arteria  – ha commentato l’assessore alle politiche della mobilità del Veneto Renato Chisso, presente alla seduta del CIPE in rappresentanza del presidente Luca Zaia – la cui utilità non è di oggi, ma venne capita ancora negli anni 60, quando venne ipotizzato il collegamento Trento – Vicenza - Rovigo. L’opera originaria rimase però monca, per l’opposizione delle principali organizzazioni ambientaliste e il supporto di un movimento d’opinione che la considerava inutile, con conseguenze politiche che si tradussero fino al divieto di legge di costruire nuove autostrade nel nostro Paese”.

Pagine

Abbonamento a RSS - regione