conferenza stampa

Sanremo 2019: conferenza stampa di apertura

DIARIO DA SANREMO

Il festival parte ufficialmente con il primo incontro con la stampa

(SANREMO, 4 febbraio) - Già dai numeri, forniti dal sindaco Alberto Biancheri in apertura della prima conferenza stampa, il festival parte in quinta, con le strutture cittadine tutte prenotate.
Teresa De Santis: "Superata di gran lunga la raccolta pubblicitaria dello scorso anno. Il Festival di Sanremo è ancora ritenuto strategico dalle aziende che chiedono di investire". La De Santis smentisce gli screzi con Baglioni che le sono stati attributi. Inoltre spezza un lancia proprio in favore del direttore artistico, al centro delle polemiche degli ultimi giorni. "Conflitto di interessi? " - dice - "Pensiamo ai superospiti: ottenere certi artisti può anche dipendere da questioni amicali. E' molto frequente che queste filiere possano portare al massimo del risultato. Quando si fa un contratto con un artista vivente, come Baglioni, è naturale che lui stesso sia inserito in un contesto legato con l'industria discografica. Sono certo che uno come lui non abbia bisogno, dopo cinquant'anni ci carriera, di avere chissà quali vantaggi e sovvenzioni".
Claudio Fasulo: "Sanremo è il più grande show prodotto in Europa. Ed è il motore dell'industria musicale italiana". Annuncia anche che la Giuria d'onore sarà composta da: Mauro Pagani (presidente), Camila Raznovich, Ferzan Ozpetek , Claudia Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich.
Claudio Baglioni: "Cosa mi anima come direttore artistico? Poter essere servitore di questo festival. Sono fedele alla costituzione di Sanremo, che per me rimane il festival della canzone italiana. La mia missione è quella anche di avvicinare colleghi recalcitranti a questo festival,"  Baglioni dice che il suo secondo festival rimarrà comunque simile a quanto fatto l'anno precedente. Viene annunciato che Riccardo Cocciante si unirà ai superospiti ed arriverà nella seconda serata. Con ironia, Baglioni liquida le polemiche anche con i colleghi esclusi: "non si possono accontentare tutti a meno di non fare dei sottofestival".
Virginia Raffaele, molto emozionata: "Per me è un regalo essere qui. Quest'anno devo fare 25 ore e spero di essere all'altezza".
Claudio Bisio: "Sanremo vince su tutto. Io non mi snaturerò e quello sarò. Con garbo, sapendo che il turpiloquio qui non si deve fare".
In chiusura, Baglioni afferma che la Rai non intende più strapagare artisti internazionali e che, piuttosto che avere un gruppetto straniero dell'ultimo momento, è meglio avere artisti di prestigio.
La prima serata ci saranno Andrea e Matteo Bocelli e Giorgia. Inoltre Claudio Santamaria e Pierfrancesco Favino.
 

Sanremo: pronti al via

DIARIO DA SANREMO

Oggi la conferenza stampa di avvio del Festival

Sono ben 1335 tra giornalisti, fotografi e operatori dell'informazione accreditati nelle due Sale Stampa - Ariston Roof e Palafiori. Quest'anno è un vero record di presenze, ennesima prova che il Festival non ha perso smalto.
Oggi, vigilia della partenza, i giochi iniziano a farsi serrati e gli artisti in gara hanno fatto le prove al Teatro Ariston. Per molte ore, tutti irreperibili. I discografici rispondono al telefono a fatica, perchè a loro volta coinvolti nella sessione di prova. Nel frattempo, cresce la febbre da selfie e in molti bivaccano agli ingressi degli hotel più gettonati dai vip. 
Si è tenuta a fine mattinata la prima conferenza stampa, quella di apertura ufficiale della settimana sanremese e, finalmente, assieme a Carlo Conti, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea è comparso Gabriel Garko, fugando ogni dubbio sulla sua presenza sin dalla prima serata.
Domani si esibiranno i primi dieci Campioni che, in ordine alfabetico sono: Arisa, Bluvertigo, Caccamo-Iurato, Dear Jack, Lorenzo Fragola, Irene Fornaciari, Noemi, Rocco Hunt, Enrico Ruggeri e gli Stadio. Aldo Giovanni & Giacomo saranno sul palco con la loro comicità e, tra gli ospiti, Elton John, Maitre Gims e Laura Pausini. Inoltre, domani partirà pure il Dopofestival di Nicola Savino, Max Giusti e Gialappa's.
Insomma, tutto è pronto. Il sessantaseiesimo Festival può iniziare la sua storia.
(g.m.)
 
Abbonamento a RSS - conferenza stampa